Via Saffi, 49 01100 VITERBO     |     provinciavt@legalmail.it     |     0761 3131

Alcuni appuntamenti nei borghi della Tuscia nei giorni del ponte di Ferragosto 2020

OPERA BOSCO
OPERA BOSCO

Alcuni appuntamenti nei borghi della Tuscia viterbese nei giorni del ponte di Ferragosto: giovedì 13, venerdì 14, sabato 15, lunedì 16 agosto 2020

*** ( ) ***

Acquapendente R-Estate

Il vernissage di Mercoledì 12 agosto sarà nelle meni della frazione di Torre Alfina. Alle ore 11.00 il Gruppo “Percorsi Etruschi” presenterà presso il bosco del Sasseto l’evento “Sui sentieri delle Fate”.

Alle ore 21.30 si torna ad Acquapendente con il concerto del “Tuscia Blues Festival Band”.

Ancora Torre Alfina ad inaugurare il programma di Giovedì 13. La passeggiata partirà alle ore 17.00 dal Bosco del Sasseto fino ad arrivare al Castello, passando per le caratteristiche viuzze del centro storico. Apericena per tutti.

Acquapendente protagonista alle ore 21.30 con lo spettacolo conclusivo “Creative Summer Camp”.

Ancora nel pomeriggio di Venerdì 14 a Torre Alfina con alle ore 18.00 una visita teatralizzata per bambini e famiglie al Bosco del Sasseto. In serata l’attesissimo concerto aquesiano della ex vocalist Matia Bazar Antonella Ruggiero dal titolo “In duo, voce e fisarmonica”.

Contest band locali a partire dalle ore 21.30 ad Acquapendente nel Sabato di Ferragosto.

Il gran finale di Domenica 16 avrà inizio in mattinata nella frazione di Trevinano con l’appuntamento religioso di festeggiamenti in onore di San Rocco.

Alle ore 17.00 trasferimento-eventi nella Frazione di Torre Alfina. All’interno del Bosco del Sasseto viaggio musicale con il quartetto Orvieto Armonico (Alle ore 21.00 presso il Castello opera a cura di Extravaganza dal titolo “L’Elisir d’Amore”.

Ad Acquapendente alle ore 21.30 contest di band locali. Gli” eventi sono organizzati da Comune di Acquapendente, Pro Loco, Associazione Teatro Boni con il patrocinio della Regione Lazio “L’Estate delle Meraviglie: insieme, sicuri”.

 

*** ( ) ***

Le iniziative di Antico Presente

Dalle viscere della terra al cielo: Etruscopolis e Ara Regina

Visita all’interno di antica cava etrusca del IV sec. a. C., che si estende in 15.000 mq sotterranei. Si presenta come parco tematico o museo didattico, in quanto la civiltà etrusca è stata qui fedelmente riprodotta al tempo dei suoi antichi fasti, dall’artista Omero Bordo “Ultimo degli Etruschi”, che ha ricostruito in questo parco chiamato per l’appunto Etruscopolis, ambienti di diverso tipo: sette tombe dipinte fedelmente riprodotte ed a dimensioni originali, complete dei corpi e del corredo funebre, il villaggio villanoviano, il plastico dell’antica città di Tarquinia, l’abitazione italica a grandezza naturale, una rappresentazione del lavoro di estrazione, la bottega artigiana, la preparazione del corpo del defunto prima della sepoltura. Un’ampia area, inoltre, è stata adibita a museo con vasi e bronzi di varie epoche, di ispirazione etrusca, non riprodotti ma creati dall’artista Omero che si fa continuatore di quell’arte.

La città di Tarquinia, in etrusco Tarch(u)na, sorgeva come quasi tutte le città etrusche, su di un colle a forma di sperone oggi denominato “Pian della Civita”, a circa 6 km distanza dal mare, naturalmente fortificato e difeso su tre lati da ripidi ciglioni calcarei e dai corsi d’acqua. La posizione della città era eccezionalmente favorevole sia dal punto di vista strategico, sia da quello commerciale e oggi, per questo, offre dei percorsi di particolare bellezza naturalistica, archeologica, paesaggistica e panoramica. La città fu dotata di un’imponente cinta muraria in blocchi regolari di calcare e di tufo, lunga circa 8 km, con numerose porte urbiche e strutture di vario tipo.

Visita a cura di Antico Presente

Guide: Sabrina Moscatelli Guida turistica e ambientale escursionistica iscritta nel registro nazionale A.I.G.A.E. e Giuseppe Di Filippo Guida ambientale escursionistica iscritta nel registro nazionale A.I.G.A.E.

Dati tecnici: Il percorso si snoda tra due località di Tarquinia che ognuno raggiungerà con la propria auto. Durata 4 ore circa, inclusa la visita del parco sotterraneo, del Tempio dell’ara della Regina e gli spostamenti.

Appuntamento: Sabato 15 agosto 2020 alle ore 17.00 a Tarquinia in Vicolo delle Pietrare, all’ingresso di Etruscopolis.

Equipaggiamento: Abbigliamento sportivo, repellente per insetti, scarpe comode, acqua ed una felpa. Consigliamo di portare la cena al sacco per goderci la bellezza del posto e della compagnia.

Condizioni: Prenotazione obbligatoria alla quale si riceverà conferma sulla disponibilità e tutte le informazioni riguardo i DPI e il rispetto delle regole e che dovrete firmare per conoscenza in nostra presenza.

Quota individuale: € 10,00 comprensiva di polizza professionale RC con massimale di Euro 5.000.000 alla quale aggiungere il costo del biglietto d’ingresso di Etruscopolis pari a €9,00 per gli adulti e €6,00 i bambini. Con noi i ragazzi fino a 16 anni non pagano mai la quota di partecipazione ma solo gli ingressi ove richiesti, come in questo caso.

Info e prenotazioni: Sabrina 339.5718135, info@anticopresente.it, www.anticopresente.it.


*** ( ) ***

Calcata: Opera Bosco - Museo di Arte nella Natura

Serata di Ferragosto (sabato 15 agosto) nel paesaggio millenario delle Forre tra le istallazioni di "Arte nella Natura" del contesto sciamanico di Opera Bosco, teatro e punto di snodo della cultura critica e indipendente per uno stile di vita creativo in controtendenza.

Programma
ore 18.30 accoglienza all’ingresso di Opera Bosco, Località Colle, Calcata (Vt)
ore 18.45 visita guidata al percorso delle istallazioni di Arte nella Natura e sculture scolpite nelle pareti e massi di tufo, parte integrante del paesaggio
ore 20.00 cenacolo con gli artisti, festa

Percorrere i sentieri di Opera Bosco significa anche immergersi nella ricca biodiversità di questa Valle che ci trasporta nell’immaginario di foreste tropicali.

Un Bosco dove oltre alle istallazioni di Arte nella Natura, la manutenzione selettiva del dato naturale mette in evidenzia le antiche testimonianze paesistiche e rupestri della millenaria storia di antropizzazione di questo luogo magico.

Al termine della visita degustazione di vino del biodistretto. Bag food.

Prenotazione con pretesseramento obbligatoria entro le ore 18.30 di venerdì 14 agosto

Ingresso, tessera associativa annuale, visita guidata: € 15,00

Ingresso riservato ai soci Opera Bosco Museo di Arte nella Natura 2020 con tessera ritirata la sera della manifestazione. Per i soci già tesserati contributo alle attività € 10,00

Info e prenotazioni: WhatsApp: 3282769123; e-mail: operabosco@operabosco.eu;
http://www.operabosco.eu/manifestazioni.php; Opera Bosco facebook; www.operabosco.eu
https://luoghidelcontemporaneo.beniculturali.it/opera-bosco—museo-di-arte-nella-natura

 

*** ( ) ***

Caprarola, Di Suoni e di Voci 

Vigilia di Ferragosto a Caprarola con una data del festival di teatro e musica popolare “Di Voci e di Suoni“, tredicesima edizione, organizzato dalla Compagnia Peppino Liuzzi e inserito nel programma degli eventi estivi 2020 promosso dal Comune di Caprarola con il sostegno e la collaborazione della Regione Lazio e delle realtà associative, culturali e imprenditoriali locali, tra cui i main sponsor Assofrutti e C.P.N. – Cooperativa Produttori Nocciole, Pro Loco, Protezione Civile, Comitato Sagra della Nocciola, Comunità Montana dei Cimini, Riserva Naturale Lago di Vico.. 

Venerdì 14 agosto 2020 alle ore 21.30, presso il giardino del Teatro Comunale Don Paolo Stefani (Via Giuseppe Cristofori, centro storico), Edoardo De Angelis e Michele Ascolese terranno il concerto “Il cantautore necessario“.  

Edoardo De Angelis ha mosso i primi passi nella musica al Folkstudio di Roma, accanto ai grandi della musica popolare: Rosa Balistreri, Caterina Bueno, Giovanna Marini, Matteo Salvatore, Otello Profazio. Insieme agli altri “giovanissimi” del Folkstudio, De Gregori, Venditti, Gaetano, ha imparato la canzone d’autore ascoltando Tenco, De André, Gaber, Endrigo, Jannacci. Iniziavano gli anni ’70. Poi molti di quei nomi, oltre a quelli di Bruno Lauzi, di Piero Ciampi, di Lucio Dalla, divennero volti, mani da stringere, nuovi amici, compagni di lavoro.  

Così Michele Ascolese, cresciuto con la musica e per la musica, ha collaborato con moltiprotagonisti della canzone d’autore, primo tra tutti, per molti anni, Fabrizio De Andrè. Edoardo e Michele hanno realizzato insieme l’album “Il cantautore necessario” dedicato alla grande canzone d’autore italiana che ha accompagnato la nostra vita, lasciando una traccia importante nella storia sociale e culturale del nostro Paese. “Il cantautore necessario” ha avuto una produzione artistica di eccezione, quella di Francesco De Gregori, che in due brani dell’album ha anche cantato e suonato l’armonica. Edoardo e Michele raccontano, a loro modo, con le loro chitarre, i loro racconti, i loro aneddoti e mille curiosità, la grande canzone d’autore italiana e i suoi protagonisti, perché non si perdano, anzi vengano rinnovati, il segno, la memoria, la consuetudine del bello.  

Il numero di spettatori ammesso è regolato dalla normativa di prevenzione e gestione del Covid-19. Si invita il pubblico a mantenere un comportamento responsabile per la sicurezza di tutti. Si consiglia la prenotazione tramite WhatsApp al numero 348.9001525 oppure contattando lo staff del festival “Di Voci e di Suoni” al numero 353.4106766.  

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti è possibile seguire la pagina Facebook “Comune di Caprarola Informa” o scrivere alla mail teatrostefanicaprarola@gmail.com.

 

*** ( ) ***

Celleno, il Borgo fantasma

"Homo Faber": progetto patrocinato dal Comune di Celleno e dal Borgo Fantasma: spettacolo teatrale musicale "Benvenuto a Celleno" per la sera del 15 agosto 2020 alle 21,30 all'interno dell'antico abitato di Celleno.

"Homo Faber" è un progetto di "Eremo Teatro Celleno" e "Ammappalitalia" in collaborazione con "Teverina in Vita" ed unisce #teatro, #trekking e #artigianato evidenziando il legame organico tra territorio, saperi e arte, vissute come testimonianza attiva di un possibile nuovo e antico approccio alla vita e alle relazioni.

Direzione artistica Ilaria Passeri.

La passeggiata-spettacolo sarà introdotta da Marco Saverio Loperfido, Guida ambientale escursionistica e fondatore di "#Ammappalitalia" e offrirà l'occasione al pubblico di calarsi nella dimensione del '500 attraverso il racconto paesaggistico e storico di Celleno.

Durante il percorso, nella suggestiva cornice del #borgofantasma®? di #Celleno, il camminatore sarà condotto in una dimensione del passato attraverso lo spettacolo teatrale-musicale “Benvenuto a Celleno” dedicato all’artista rinascimentale #BenvenutoCellini che nella sua autobiografia narra le sue origini Cellenesi.

Drammaturgia I Marco Saverio Loperfido, con Paco Milea, Antonella Santarsieri, Fabrizio Verzini; musica I Fabrizio Verzini; costumi Giuseppe Viti; regia Ilaria Passeri

Durante lo spettacolo si assisterà alla dimostrazione della creazione di candele in cera d' api con Giulio Cordioli.

Appuntamento ore 21,30, piazza del mercato, Celleno Vecchio.

Nel rispetto delle norme per il contenimento della pandemia di Covid-19 la prenotazione sarà obbligatoria.

Info: Marco Saverio Loperfido + 39 339 / 6914141, Aldo Milea + 39 338 / 3186679; Ilaria Passeri + 39 328 / 8264142; Email: eremoteatrocelleno@gmail.com

Costi: Intero €8; Ridotto (per i residenti a Celleno) €3; Bambini fino a 6 anni gratuito

*** ( ) ***

 

Oriolo Romano, il borgo ideale

Visita guidata al meraviglioso e troppo poco conosciuto Palazzo Altieri, raggiungibile comodamente anche in treno.

L’attuale abitato, affiancato dall’ antica Via Clodia, conserva un passato ed origini a dir poco incredibili, quasi invisibile all’occhio del visitatore disattento, e custodito in una sorta di gelosia inconscia, da parte di quegli abitanti che ancora oggi ne respirano l’anima.

La realizzazione del Palazzo e la fondazione del borgo nel territorio di Oriolo, allora incolto e spopolato, risale alla metà del XVI e si deve a Giorgio III Santacroce, che, per formazione culturale vicino agli ideali umanistici, vuole la realizzazione di ciò che oggi rappresenta un raro modello di impianto urbanistico “a misura d’uomo” con il sapiente rapporto tra spazi e volumi, che segue anche la norma leonardesca.

L’impostazione dell’intero complesso rispecchia la progettazione rinascimentale della città ideale: l’orientamento dell’impianto, i rapporti dimensionali degli edifici in base alla scala gerarchica dei coloni e del signore che vi abitava ecc.

Il fulcro della visita del borgo di Oriolo Romano sarà il Palazzo Altieri che oltre all’ architettura è decorato al suo interno con antichi arredi, importanti ritratti e pregevoli affreschi che con l’aggiunta di un linguaggio ermetico di emblemi e simboli (spesso usati come veri e propri rebus) avevano anche una funzione educativa e morale. Miti, leggende, favole, fatti dell’antico testamento, allegorie, messaggi, vedute del borgo e paesaggi fantastici accompagneranno ed appassioneranno il visitatore all’ interno del percorso museale.

La caratteristica che rende unica questa “villa-fortezza” è la famosa Galleria dei Papi, ovvero i ritratti di TUTTI i Papi della storia. La galleria servì da modello per i ritratti dei papi di San Paolo fuori le mura che erano andati distrutti dopo l'incendio del 1823.

La visita riserverà sorprese inaspettate in una località raggiungibile e resa comoda dalla presenza della fermata della linea ferroviaria Roma Ostiense – Viterbo.

Visita guidata a cura di Antico Presente

Guida: Sabrina Moscatelli, Guida turistica abilitata e Guida ambientale escursionistica associata AIGAE.

Dati tecnici: Durata 2 ore e mezza.

Appuntamento: Domenica 16 agosto 2020 alle ore 10,00 all'ingresso di Palazzo Altieri a Oriolo Romano (VT) in Piazza Umberto I,

Equipaggiamento: Abbigliamento sportivo

Condizioni: Prenotazione obbligatoria alla quale si riceverà conferma sulla disponibilità e tutte le informazioni riguardo i DPI e il rispetto delle regole e che dovrete firmare per conoscenza in nostra presenza.

Quota di partecipazione: € 10,00 che include polizza professionale RC con massimale di Euro 5.000.000 più il costo del biglietto di ingresso di € 5,00 agevolato € 2,00 (dai 18 ai 25 anni).

Informazioni e prenotazioni: Sabrina 3395718135 info@anticopresente.it www.anticopresente.it

 

*** ( ) ***

Soriano nel Cimino: "La notte e il sogno"

È in programma per domenica 16 agosto 2020 alle 21.30, nel cortile di Palazzo Chigi-Albani, il concerto di musica classica “La Notte e il Sogno”. Un viaggio musicale attraverso i brani più suggestivi del repertorio romantico: da Strauss a Schumann, da Debussy a Godard. Protagonisti: il soprano Floriana Carnevali, i violini di Lois Ferguson e Zeneba Bowers ed il violoncello di Matt Walker.

Il concerto sarà ad ingresso libero ma è consigliata la prenotazione al numero 349 877 45 48 oppure museo@comune.sorianonelcimino.vt.it.


*** ( ) ****

Teatro Romano di Ferento

Sabato 15 Agosto 2020, ore 19,30: Giuseppe Zeno in "Faust", regia di Stefano Reali
Giuseppe Zeno nella parte di Faust in scena dà vita anche a Mefistofele e a tutti gli altri personaggi maschili dello spettacolo, in una performance funambolica, virtuosistica, e fisicamente acrobatica, al limite del circense.
Il testo, ora brillante, ora tragico, ora comico, ora farsesco, è una riflessione sulla caducità dell’essere umano, e sull’impossibilità di accettare l’indifferenza in cui il mondo digitale sembra confinarci, un mondo in cui la rinuncia al tatto, alla lotta, al rischio, alle sensazioni, e in definitiva al contatto fisico, è diventato una prigione, più che una garanzia di benessere. Zeno attraversa tutto questo e lo fa affrontando con ironia, sarcasmo e momenti di irresistibile comicità, il dramma prometeico dell’uomo di ogni tempo, in continua ricerca dell’unica cosa che veramente gli importi: L’Immortalità.

Domenica 16 Agosto 2020, ore 19,30: Giuseppe Rescifina in "Mozart, il genio della musica"
Una pieçe poetico-letteraria a cura di Giuseppe Rescifina, in ricordo del soggiorno del grande compositore nella Tuscia. In occasione del viaggio in Italia, l'11 luglio 1770 (250 anni fa), Mozart suonò l'organo all'interno del meraviglioso Duomo di Civita Castellana.

*** ( ) ***

Tuscania, Passeggiata in notturna seguendo la via dell’acqua

 sabato 15 agosto 2020, ore 21,15

 Non sarà una semplice passeggiata in notturna, ma un viaggio nella storia di Tuscania, attraverso i Terzieri che ancora oggi rispecchiano gli antichi quartieri medievali, seguendo la via dell’acqua alla scoperta delle fontane che arricchiscono le piazze e le vie della città. 

Un percorso ad anello all’interno del borgo, che racchiude tesori storici e artistici di diverse epoche. Si potranno ammirare angoli davvero suggestivi e meno conosciuti. Passeggiando tra i vicoli si potranno scoprire freschi cortili rinascimentali, le prime fontane medievali un tempo alimentate da sorgenti come l’antica fonte delle Sette Cannelle, conosciuta anche come Fontana del Butinale, la cui acqua esce dalla bocca di sette mascheroni.  E’ la più antica e fu completata nel 1309 dal podestà Lorenzo da Guglielmo, per meglio servire le esigenze della città. La sorgente sembra che alimentasse le terme romane esistenti presso la chiesa di Santa Maria Maggiore.

 Info: 333 4912669 Anna Rita Properzi Guida turistica autorizzata e Guida ambientale escursionistica associata ad AIGAE. (anche tramite messaggio WHATSAPP oppure mail annaritaproperzi@gmail.com)

 Incontro al parcheggio Piazzale Vittorio Marinozzi (gratuito) che si trova sotto le mura della città, nei pressi del Ristorante Le Sette Cannelle. Lasceremo qui le auto ed inizieremo il tour della città.

 *** ( ) ***

Vallerano, buon cibo e divertimento 

sabato 15 e domenica 16 agosto 2020 

“E… state col Comitato”: buon cibo, musica e divertimento, presso il giardino comunale di Vallerano 

Oltre alla degustazione di ottimi piatti, si contribuirà alla realizzazione delle imminenti festività patronali.  

Un’occasione per conoscere e gustare la tradizione culinaria valleranese, sempre e comunque nel rispetto delle misure anti-Covid. 

Apertura degli stand: 12,30 e 19,30. 

Info e prenotazioni:Locandina e aggiornamenti sulla pagina Facebook. 

Roberto: 347.2605858; Mario: 324.6236821; Francesco: 331.3685648; Riccardo: 347.7770305; sanvittoremartire@gmail.com

 

*** ( ) ***

Vetralla, il Giardino segreto; Torre Alfina, Il Castello

“Elisir d’amore”, opera lirica di Gaetano Donizetti

Interpreteranno i personaggi: Adina (Maija Rautasuo), Nemorino (Ilmari Leisma), Dulcamara (Lorenzo Bartolucci), Belcore (Paolo Ciavarelli), Giannetta (Emanuela Della Torre), il coro di OperaExtravaganza, l’ensemble del Tritone diretto dal maestro Luigi De Filippi con la regia dell’eclettico Mario Gallo

L’Elisir d’amore, uno dei capolavori della gloriosa Opera Buffa italiana, è una di quelle opere che hanno guadagnato il favore e l’affetto del pubblico fino dalla prima uscita, nel 1832, e non l’hanno mai perso.
Sarà la colorita galleria di personaggi, sarà la deliziosamente inverosimile trama, sarà la freschezza delle melodie, fatto sta che Elisir continua a conquistare il cuore del pubblico di tutto il mondo.
Nemorino, contadino basco, è innamorato di Adina, ricca e indipendente possidente. Ridotto alla disperazione per lo sprezzante atteggiamento di lei, che arriva a promettersi al vanitoso sergente Belcore, acquista una dose di “pozione magica” dal ciarlatano Dulcamara. La fortuna – e una improvvisa eredità, che lo rende il miglior partito del paese – favorirà l’unione dei due giovani e il lieto fine.
OperaExtravaganza quest’anno porta Elisir al castello di Torre Alfina, una delle più belle e suggestive località della Tuscia.

Sabato 15 agosto alle ore 20:45 nel Giardino Segreto di Vetralla;

Replica, domenica 16 agosto alle ore 21:00, presso il magnifico Castello di Torre Alfina.

Prima dello spettacolo, per chi volesse, con un piccolo contributo si potrà visitare tutto il complesso storico.

OperaExtravaganza applica rigorosamente le attuali norme di sicurezza per il contrasto e il contenimento del virus Covid-19. Vi ricordiamo perciò di prenotare il proprio posto.

Info e prenotazioni: tel. 0761-485247 / 346-7474907; e mail: susanna@operaextravaganza.com; www.operaextravaganza.com

*** ( ) ***

Teatroinsieme a cura del Teatro Null

Domenica 16 agosto 2020, ore 21,30 (Bomarzo, impianti sportivi comunali) nuova produzione "Svarietà di Varietà: Roma Napoli ieri e oggi", "uno spettacolo che unisce due mondi diversi ma paralleli come il teatro romano e quello napoletano, con canzoni e tanta musica, un evento spumeggiante e coinvolgente".

Di e con Gianni Abbate, Alessandra Cappuccini, Ennio Cuccuini; musica dal vivo di Stefano Belardi.

Info: 347.1103270

*** ( ) ***

Tuscania, le Basiliche e l’Abbazia di S. Giusto

La passeggiata di domenica 16 agosto 2020, sarà dedicata ad un vero e proprio viaggio nel Medioevo che permetterà di conoscere l’arte romanica ed i capolavori dei grandi maestri comacini, presenti a Tuscania sul finire dell’XI secolo. L’arrivo dei monaci cistercensi dalla Francia all’inizio del XII secolo arricchirà le conoscenze con nuove tecniche costruttive e decorative, visibili nel complesso monastico dell’Abbazia di San Giusto.

Nell’XI secolo la città di Tuscania era un’importante diocesi ed un potente centro in espansione, di cui ne sono testimonianza i due grandi cantieri che porteranno alla realizzazione delle basiliche romaniche di San Pietro e Santa Maria Maggiore. Al tempo della loro costruzione le due chiese si trovavano all’interno della cerchia muraria che proteggeva la città.

Sorsero così intorno alla chiesa di San Pietro e all’adiacente palazzo episcopale alcune torri di difesa, due delle quali fanno ancora parte dell’imponente spettacolo scenografico ed altre due mozzate che si trovano sul lato sud ed est del colle. Il quartiere più antico della città, iniziò a spopolarsi quando fu escluso dalla cinta muraria il cui perimetro originario di circa 5 km fu ridotto alla metà, nel XV secolo per motivi economici e difensivi.

Le due chiese furono lasciate, a partire da questo periodo, in quello splendido isolamento che oggi incrementa il loro fascino. Nel 1971 le chiese di San Pietro e Santa Maria Maggiore subirono gravi danni a causa di un forte terremoto ma, grazie ad un paziente e scientifico lavoro di restauro, sono potute tornare agli antichi splendori.

Nel 1146 arriva a Tuscania un piccolo nucleo di monaci cistercensi provenienti da Fontevivo, nei pressi di Parma (abbazia figlia di Clairvaux). Gli abili monaci lavoreranno per un altro grande cantiere l’Abbazia di San Giusto a pochi chilometri dal centro medievale, nella verde e fertile valle del fiume Marta. Oggi l’abbazia è stata completamente recuperata dopo secoli di abbandono, grazie all’opera di un privato che le ha restituito una nuova vita.

Info: 333.4912669 Anna Rita Properzi, Guida turistica e ambientale Escursionistica Aigae (anche whatsapp)

Appuntamento: domenica 16 agosto alle ore 9.30 al parcheggio Piazzale Vittorio Marinozzi (sotto il Ristorante Sette Cannelle) da dove si partirà in macchina per recarsi all’Abbazia di San Giusto; a seguire ritorno in paese per la visita delle Basiliche di Santa Maria Maggiore e di San Pietro.

*** ( ) ***

Tuscania, alla scoperta del Museo Archeologico e della Necropoli

La visita di domenica 16 agosto 2020 sarà dedicata alla scoperta del Museo Archeologico di Tuscania, ospitato nello splendido complesso dell’ex Convento Francescano adiacente alla Chiesa di Santa Maria del Riposo con il pregevole chiostro rinascimentale e gli affreschi del XVII secolo che narrano gli episodi della vita di San Francesco.

Nelle sale sono esposti i reperti rinvenuti nelle varie necropoli che circondano l’abitato di Tuscania e che vanno dal Periodo Orientalizzante VII sec. a.C. sino all’epoca ellenistica IV – III sec. a.C. ben rappresentata dai sarcofagi della Famiglia Curunas.

Dopo la visita del Museo il percorso nella storia di Tuscania Etrusca continuerà con la visita della Necropoli della Peschiera e della Tomba del Dado, situate nella scenografica valle del torrente Maschiolo.

Si trova a Nord di Tuscania ed è comodamente raggiungibile, in auto, attraverso un chilometro di strada. La Necropoli una delle più suggestive di Tuscania, fu maggiormente utilizzata nei secoli VI e V a.C, ma l’uso di questo sepolcreto si estende fino al II secolo a.C. Le tombe sono prevalentemente del tipo a camera con una o più stanze, banchine per i morti, soffitti travati ed altre accortezze, aperture tipo finestre, tutti elementi tesi a creare un ambiente domestico e confortevole per il proprio defunto. La Tomba del Dado riproduce dentro e fuori la tipologia di una casa etrusca, con doppio tetto, con cornici di coronamento a becco di civetta e toro in nenfro (pietra vulcanica locale). Sui lati corti si innalzavano due timpani sempre in nenfro che davano al monumento l’aspetto di una abitazione con tetto displuviato.

Visiteremo anche un settore e della necropoli ripulito dal Gruppo Archeologico di Tuscania, con il recupero di 6 tombe a camera di tipo rupestre, 1 tomba “a forno” e 2 tombe a fossa, tutte ascrivibili al pieno VI sec. a.C. Le tombe, riutilizzate in epoca medievale e moderna o comunque saccheggiate ripetutamente dagli scavatori clandestini, hanno restituito importanti resti dei corredi funebri.

Info: 333.4912669 Anna Rita Properzi, Guida turistica e ambientale escursionistica Aigae (anche whatsapp)

Appuntamento:
-ore 17 davanti al Museo Nazionale Etrusco di Tuscania, Largo Mario Moretti (Ingresso gratuito);
-ore 18.30 spostamento in auto fino alla Necropoli della Peschiera e Tomba del Dado
-ore 20.00 fine della visita e per chi vuole ritorno in città

 

 *** ( ) ****

Vulci, Parco archeologico

Venerdì 14 agosto 2020, il GrAG, Gruppo astrofili Galileo Galilei di Tarquinia, organizza una serata astronomica sotto uno dei cieli più belli d’Italia.

Presso il Tumulo della Cuccumella, grazie agli strumenti messi a disposizione dall’associazione, si potrà osservare Giove con i suoi satelliti medicei e uno spettacolare transito della Grande Macchia Rossa (GMR) e Saturno il “Signore degli Anelli” che sarà maestoso nei nostri cieli.

La serata sarà propizia anche per osservare lo sciame meteorico delle Perseidi, chiamate anche “Lacrime di San Lorenzo” che raggiungeranno il culmine della visibilità proprio in questa occasione.

Non mancheranno le esaurienti spiegazioni dei soci GrAG per far scoprire le costellazioni visibili, la storia, i miti e gli aspetti scientifici degli oggetti che si andranno ad osservare anche del profondo cielo.

L’appuntamento è per le ore 20.30 alla biglietteria del Parco di Vulci, alle ore 21.00 inizierà la serata astronomica.

Per informazioni: 0766 870179; info@vulci.it; info@grag.org

 *** ( ) ***

Le iniziative della Fondazione Carivit

Le Ceramica Araldica al Museo della Ceramica della Tuscia

Domenica 16 agosto 2020 proseguono gli appuntamenti con le speciali visite gratuite al Museo della Ceramica della Tuscia dedicate alla scoperta delle decorazioni dei reperti ceramici esposti.

All’attenzione dei visitatori saranno mostrati stemmi araldici raffigurati su orcioli, piatti e boccali realizzati su committenza da raffinati vasai per importanti e influenti famiglie nobili.

Il Museo, aperto con ingresso gratuito, la mattina dalle 10 alle 13 e il pomeriggio dalle 15.30 alle 18.30, osserva tutte le misure di contenimento per la prevenzione dal contagio da coronavirus.
L’accesso è consentito per un massimo di 12 persone alla volta.

Per informazioni e prenotazioni è possibile inviare una mail all’indirizzo museoceramicatuscia@fondazionecarivit.it, telefonare o lasciare un messaggio nella segreteria del numero 0761223674 o recarsi presso il Museo della Ceramica della Tuscia, via Cavour, 67 – Viterbo.

 

*** ( ) ***

(martedì 11 agosto 2020 - aggiornata venerdì 14 agosto)

a cura dell'Ufficio relazioni con il pubblico; urp@provincia.vt.it

 

stampa