Comuni della Provincia - Comune

Comune di CIVITA CASTELLANA

Stemma CIVITA CASTELLANA
Comune
CIVITA CASTELLANA
Codice Istat
12056021
Cap
01033
Indirizzo
P.za Matteotti, 3
Telefono
0761 5901
Fax
0761 590416
E-Mail
uff.segreteria@comune.civitacastellana.vt.it
PEC
comune.civitacastellana@legalmail.it
Proloco
Via Ferretti 141, 01033
Email : prolococivitacastellana@gmail.com

Sorge ai piedi dei Monti Cimini, in una terra così fertile da favorire insediamenti umani sin dall'epoca preistorica: esistono reperti che risalgono addirittura all'età del Bronzo. Già nucleo urbano di prestigio sotto il dominio degli Etruschi, assume maggiore importanza grazie all'opera di ristrutturazione architettonica messa in atto dai Falisci. Dopo una breve parentesi di dominio imperiale con Federico II (1240), nella seconda metà del XIV secolo la città torna in mano ai papi e fu assegnata in feudo da Gregorio XI ai Savelli. Nel 1494 Papa Alessandro VI Borgia incarica Antonio da Sangallo il Vecchio di ristrutturare una fortezza, con lo scopo di difendersi da eventuali attacchi nemici, ma l'artista non riuscirà a portare a termine l'opera. Durante il papato di Giulio II il lavoro fu affidato ad Antonio da Sangallo il Giovane, grazie al quale l'edificio assumerà la nuova connotazione di "Forte Sangallo" (sede del Museo nazionale etrusco). Vari sono i monumenti di epoca medievale tuttora presenti a Civita Castellana; il più importante è la Cattedrale di S. Maria, risalente al 1210. L'interno della chiesa ha la prima navata con cappelle laterali comunicanti tra loro e presbiterio sopraelevato e presenta un magnifico pavimento a mosaico cosmatesco. Notevole anche la Chiesa romanica di S. Maria del Carmine (XII secolo), con bel campanile a bifore, abside semicircolare, interno a tre navate e colonne scanalate con capitelli diversi fra loro. La Chiesa romanica di S. Gregorio Magno presenta un bel portale marmoreo decorato dai Cosmati. La Chiesa romanica di S. Pietro è stata completamente trasformata nel corso del XVIII secolo.

Da vedere / visitare
Strutture Culturali
Strutture Ricettive
 
Valuta questa Pagina
stampa